QMI complice di un’operazione dai superpoteri con Unieuro

Con il supporto di QMI, ancora una volta cinema e brand si incontrano per un’iniziativa promozionale e di comunicazione di grande impatto.

QMI ha ideato, insieme a Unieuro, un’originale campagna promozionale che risponde da un lato all’esigenza di realizzare una promozione dal forte valore percepito e dall’altro di sviluppare una comunicazione co-branded che permette all’insegna, leader nell’elettronica di consumo ed elettrodomestici, di legarsi a uno dei contenuti cinematografici più attesi dell’anno.

Negli store Unieuro è infatti attiva la promozione “un anno di cinema”. Fino al 9 novembre ogni 299 euro di spesa Unieuro regala un buono valido per dodici ingressi al cinema, per vedere un film al mese.

Grazie all’originale attività di branding integrato tra il film di supereroi più atteso di questa stagione “Justice League” e l’insegna, uno degli ingressi del carnet omaggio, per chi aderirà alla promozione entro il 9 novembre, permetterà di assistere alla proiezione del nuovo blockbuster, nelle sale dal 16 novembre per Warner Bros. Pictures.

Proprio i personaggi di “Justice League”, Batman, Wonder Woman, Flash, Aquaman, Cyborg, sono i protagonisti speciali dello spot a supporto della nuova campagna promozionale Unieuro.

Dettagli dell’operazione su www.unannodicinemaunieuro.it

 

Related Posts

Le aziende che hanno scelto QMI e Rakuten per il loro business

All’interno di uno scenario sempre più competitivo e caratterizzato da differenti modalità di fruizione dei contenuti, sono già tante le aziende che hanno scelto di 

Favolacce trionfa alla Berlinale e conquista l’Orso d’Argento per la migliore sceneggiatura

Il film è una produzione Pepito Produzioni con Rai Cinema, in coproduzione con Vision Distribution, in associazione con QMI, in coproduzione con Amka Films e 

Nuove date per la seconda edizione di SeriesCon

La manifestazione dedicata alla serialità e all’intrattenimento televisivo organizzata da QMI si svolgerà sabato 9 e domenica 10 maggio (invece che il 4 e 5 aprile